Grado di pronazione e outcome nel dolore femororotuleo

Grado di pronazione e outcome nel dolore femororotuleo

Il dolore femororotuleo è una diagnosi clinica di dolore anteriore di ginocchio durante le attività in carico. La prevalenza di questo disturbo è compresa tra il 23% e il 29% nella popolazione generale e negli adolescenti. Il PFP è associato con un rischio molto elevato di dolore persistente. Infatti, un paziente su due riferisce sintomi persistenti o ricorrenti nel lungo termine, anche a distanza di 5–8 years dall’insorgenza. Il PFP può rappresentare una delle prime manifestazioni di artrosi femororotulea.

Continua a leggere “Grado di pronazione e outcome nel dolore femororotuleo”

Esercizi per l’anca, esercizi per il ginocchio o attività libera nel dolore femororotuleo: follow- up a 1 anno

Esercizi per l’anca, esercizi per il ginocchio o attività libera nel dolore femororotuleo: follow- up a 1 anno

Il dolore femororotuleo (PFP) è un disturbo muscoloscheletrico molto frequente, con una prevalenza annuale del 23% nella popolazione generale e del 29% negli adolescenti. È una diagnosi clinica di dolore anteriore di ginocchio durante le attività in carico, in assenza di altre patologie specifiche.

Continua a leggere “Esercizi per l’anca, esercizi per il ginocchio o attività libera nel dolore femororotuleo: follow- up a 1 anno”

Fattori associati agli infortuni nei runner principianti e amatoriali

Fattori associati agli infortuni nei runner principianti e amatoriali

Nonostante siano conosciuti i fattori associati, l’incidenza degli infortuni associati alla corsa (RRI) continua ad essere elevata, fino al 79%. Il fattore associato ai RRI più frequentemente riportato è un precedente infortunio. Un altro fattore di rischio è la scarsa esperienza.

Continua a leggere “Fattori associati agli infortuni nei runner principianti e amatoriali”

Corsa e salute dei dischi intervertebrali

Corsa e salute dei dischi intervertebrali

La qualità dei dischi intervertebrali (IVD) è un fattore importante per la salute generale della colonna vertebrale e per l’incidenza della lombalgia. Lo stato di salute di queste strutture è fortemente associato all’apporto di nutrienti, ma a differenza di altri tessuti dove i nutrienti sono distribuiti attraverso il sistema vascolare, il tessuto dei IVD è principalmente avascolare, in modo particolare il nucleo. Il livello di attività fisica e altri fattori dello stile di vita, come la sedentarietà, influenzano l’apporto di nutrienti e, di conseguenza, la salute del disco.

Continua a leggere “Corsa e salute dei dischi intervertebrali”